Home
Trasmissione dei dati fiscali dei pazienti al Sistema Tessera Sanitaria: cosa cambia?

Trasmissione dei dati fiscali dei pazienti al Sistema Tessera Sanitaria: cosa cambia?

Print pagePDF pageEmail page

Un nuovo adempimento per i professionisti psicologi che coinvolge i pazienti

Articolo aggiornato il 03.10.2016

Clicca qui per scaricare l’informativa completa.

Un piccolo avviso ai pazienti. Con Decreto Ministeriale dell’1 settembre 2016, anche noi psicologi siamo ora tenuti a trasmettere i dati fiscali delle spese sanitarie dei nostri pazienti al Sistema Tessera Sanitaria, che a sua volta li trasmetterà all’Agenzia delle Entrate, e questo obbligo è retroattivo, cioè si applica alle fatture emesse dall’1 gennaio 2016.

A questo link potete leggere l’articolo de Il Sole 24 Ore sul provvedimento

Cosa cambia per i pazienti?

In passato, avevano facoltà di presentare le nostre fatture per la detrazione delle spese mediche durante la dichiarazione dei redditi, e potevano, dunque, anche scegliere di non presentarle. Ora, invece, noi professionisti siamo tenuti a trasmetterle al Sistema Tessera Sanitaria, e i pazienti (con lavoro dipendente o assimilato) le troveranno nel 730 Precompilato o nell’Unico Precompilato, in forma aggregata (non ci sarà scritto “spese per la psicoterapia“, ma solo un importo totale) insieme alle altre spese mediche accumulate nel 2016. E’ chiaro che questo dato (seppur in forma aggregata) potrà essere visibile ad eventuali famigliari di cui si è a carico, o con i quali generalmente si compila la dichiarazione dei redditi. La dichiarazione dei redditi completa con i dettagli sarà visibile al/la cittadino/a (o a chi lui/lei delega per la dichiarazione) accedendo con PIN personale al sito dell’Agenzia delle Entrate.

I pazienti possono opporsi?

Certamente! Per tutte le fatture sanitarie emesse dall’1 gennaio 2016 al 13 novembre 2016 compresi è necessario che i pazienti presentino all’Agenzia delle Entrate il modello di opposizione debitamente compilato (disponibile per l’anno fiscale 2016 indicativamente a febbraio 2017), in cui saranno specificate per quali prestazioni desidera fare opposizione (In alternativa, possono cancellare manualmente le voci di spesa accedendo al proprio profilo dal portale Sistema Tessera Sanitaria.

Qui di seguito riporto le istruzioni del 2016 del Progetto Sistema Tessera Sanitaria, con relazione all’anno fiscale 2015 (che non riguarda le spese fatturate da professionisti psicologi che invece entrano nel sistema dall’1 gennaio 2016).

Si comunica che dal 10 febbraio 2016 al 9 marzo 2016, i soggetti che desiderano che i dati delle proprie spese sanitarie del 2015 non siano acquisiti dall’Agenzia delle entrate ai fini della dichiarazione dei redditi precompilata 2016, potranno esercitare opposizione alle singole spese accedendo alla funzione messa a disposizione dal sistema TS. L’accesso alla funzione è consentito dalla sezione Area Riservata/ Servizi Assistito SSN/Cittadino del portale www.sistemats.it a tutti i soggetti in possesso di credenziali “Fisconline” o tramite la propria TS/CSN attiva.
Per le spese sanitarie del 2015, chi desidera che i propri dati non siano acquisiti, anche se in forma aggregata, dall’Agenzia delle entrate può esercitare opposizione, cancellando le singole spese che non desidera siano conteggiate, accedendo direttamente all’apposita sezione del sito web del Sistema TS. [link della fonte qui]

Il Ministero e il Garante per la privacy assicurano che la riservatezza dei dati sensibili dei cittadini è comunque garantita.

Per tutte le fatture sanitarie emesse dal 14 novembre 2016 in avanti, invece, i pazienti potranno esercitare il proprio diritto di opposizione alla trasmissione dei propri dati fiscali dal Sistema Tessera Sanitaria comunicandolo a voce al professionista al momento dell’emissione della fattura stessa. Sul documento verrà apposta una specifica dicitura.

Resto ovviamente a disposizione per qualsiasi chiarimento!