Home
Non pretendere il patentino da brav* antirazzista

Non pretendere il patentino da brav* antirazzista

Print pagePDF pageEmail page

Le persone che subiscono discriminazioni e violenze razziste  non hanno il compito assolvere le nostre coscienze bianche

Le persone, le organizzazioni e le associazioni che hanno fatto, stanno facendo e continueranno a fare informazione antirazzista sono al 99% le stesse persone che subiscono quotidianamente oppressioni, discriminazioni e violenze.

Stanno lavorando gratuitamente su tematiche che sono direttamente collegate a propri traumi ed esperienze dolorose.

Dobbiamo essere grat* del materiale e dell’esperienza che condividono e mettono a disposizione e dobbiamo stare fuori dai loro dm se non per ringraziare o per proporre collaborazioni pagate e oneste.

Per tutto il resto (dubbi, approfondimenti, e meno che meno richieste di assoluzione o patentino di buon* alleat*) ci sono Google o altre persone bianche che maneggiano già questi temi.

Il carico è già abbastanza pesante, non reiteriamo il nostro privilegio aggiungendone altro solo per voler scaricare le nostre coscienze da poco risvegliate.

Sono una psicologa psicoterapeuta e lavoro a Rovigo e online. Mi occupo del benessere psicologico di adulti e adolescenti.