Home
Alla cronicità ci si abitua?

Alla cronicità ci si abitua?

Print pagePDF pageEmail page

La cronicità è una di quelle cose a cui si abitua, a cui si fa “il callo”? Tenderei a rispondere di no, e ti spiego perché

Alla cronicità ci si abitua? E’ una domanda la cui risposta probabilmente sarebbe diversa per ognuna dei milione di persona al mondo che ci convivono. Vorrei, però, per quanto possibile, provare a fare un discorso generale.

Ci si adatta? Direi di sì, non è possibile una alternativa. Ci si abitua? Sì, no, forse, probabilmente più no.

Perché viviamo in un mondo abilista che gran poco fa per fare spazio e andare ai ritmi di chi non può conformarsi all’ideale di produttività.

Perché per quanto sia clinicamente gestibile, una malattia cronica, più o meno grave, si fa sentire in tanti aspetti: nella rinuncia a certe attività, nella necessità di programmare parecchi dettagli quotidiani, nell’essere quella persona che vorrebbe essere spontanea e avventurosa, ma non può non permettersi di non essere sicura di una serie di particolari prima di dire sì a qualche attività.

E se è difficile imparare a convivere con la cronicità quando si è una persona adulta, non è che se ti accompagna dalla nascita o da quando sei molto piccolə sia più facile.

Spesso si tende a far passare la quantità di tempo con cui una persona si è confrontata con la sua malattia cronica come una misura di semplicità di gestione: è passato tanto tempo, ormai ti sei abituatə, ci hai fatto il callo, sai cosa fare.

Sì e no. E’ vero che l’esperienza conta con la cronicità: si imparano e si mettono a punto tutta una serie di strategie per rendersi la vita più semplice. Ciò non restituisce gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza in cui invece di avere come massima preoccupazione quella di copiare a scuola senza farti beccare o imparare a memoria tutti i testi delle tue canzoni preferite, hai dovuto confrontarti con ospedali, esami più o meno invasivi, terapie da assumere con precisione svizzera e magari pure imparare cosa significa “farmaco salva vita”.

Per tornare alla domanda iniziale: ci si abitua? La risposta sta a te.

Se ti viene da rispondere “no, assolutamente no”, è comprensibile e ne hai diritto.

Nessunə dovrebbe sentire di non poter esprimere le proprie difficoltà, sofferenza rabbia solo perché esiste questa narrazione strisciante che sei hai una malattia cronica devi essere resiliente, perché se sei resiliente stai meglio, e quindi, solo così ti meriti la patente di bravə malatə cronicə.

Qualsiasi sia la tua risposta, di sicuro nessunə ha il diritto di dirti come ti devi sentire.

Sono una psicologa psicoterapeuta e lavoro a Rovigo e online. Mi occupo del benessere psicologico di adulti e adolescenti.